Questo sito utilizza i cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina dedicata. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Tutto ri-cominciò con il 9° convegno Icsa ...

 

 

 

 

I rapporti tra le comunità italiane e tra i network comunitari Rive (Rete Italiana Villaggi Ecologici), Gen (Global Ecovillage Network) e Conacreis, hanno avuto un'accelerazione in occasione del 9° Convegno Icsa (International Communal Studies Association), svoltosi in Italia dal 29 giugno al 1 luglio 2007.
L’Associazione per gli Studi Comunitari (ICSA) http://www.ic.org/index.php è una organizzazione multidisciplinare che fornisce una struttura comune di scambio di studi per ciò che riguarda le comunità, le comunità intenzionali, insediamenti collettivi e kibbutz nel mondo.
L’associazione tiene congressi internazionali e locali e pubblica un bollettino biennale. Si è formata seguendo l’iniziativa di unire gli studiosi che si specializzino in ricerche sui kibbutz.

Il Nono convegno Icsa, "Comunità: Utopie di ieri, realtà di oggi" è stato ospitato presso la Federazione di Damanhur. Vi hanno partecipato come relatori , insieme a più di 150 tra sociologi, antropologi e studiosi dei modelli comunitari, diversi esponenti dei movimenti comunitari italiani, tra questi: Elfo Frassino: ‘Il Conacreis e la promozione di comunità intenzionali", Davide Quaranta ‘Profilo del Villaggio del Sole’, Mimmo Tringale/ Lucilla Borio: RIVE – Network degli Eco-villaggi Italiani, Mirai Ebisuno : ‘Profilo del Villaggio Verde’, Maria Pia Di Renzo - Shakty ‘Profilo di Osho Miasto’, Umberto Carmignani ‘Profilo della Città della luce’, Gazzella Mimosa/ Iride Pistacchio: ‘Il modello damanhuriano di Educazione’, Wallaby Pulsatilla : Nascere in comunità, Nandini Cerri: ‘ANANDA e le comunità cooperative spirituali, Coboldo Melo:Politica damanhuriana.

In conseguenza del convegno si sono svolti diversi incontri, durante i quali ha preso forma l'interesse per tornare a lavorare assieme ad una proposta di legge per il riconoscimento giuridico delle Comunità Intenzionali, a cui hanno aderito le comunità italiane organizzate in reti.